L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’istanza di interpello n.109 del 18/4/2019, ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla nozione di “altri soggetti privati” di cui all’art. 14, comma 2-sexies, del D.L. 4/6/2013, n.63, ai quali è possibile cedere il credito d’imposta cd. “sisma+ecobonus”. In merito, è stato ribadito che è ammessa la cedibilità del credito a favore di “soggetti che svolgono attività di lavoro autonomo o d’impresa, anche in forma associata (società o enti)” e, comunque, di “soggetti collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione”. Nell’ipotesi in cui il fornitore del servizio si avvalga di un sub-appaltatore per eseguire l’opera, la cessione del credito può essere effettuata anche a favore di quest’ultimo o, ancora, a favore del soggetto che ha fornito i materiali necessari per eseguire l’opera, trattandosi comunque di soggetti che presentano un collegamento con l’intervento e, dunque, con il rapporto che ha dato origine alla detrazione, valutato sia con riferimento alla cessione originaria che a quella successiva. Con riferimento al caso oggetto dell’istanza di interpello è stato, quindi, ritenuto che tale collegamento può sussistere anche per i soci lavoratori di un’impresa edile sub-appaltatrice dei lavori.
Read more
L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’istanza di interpello n.100 dell’8/4/2019, ha fornito chiarimenti circa la documentazione idonea a costituire prova dell’avvenuta cessione intracomunitaria di cui all’art. 41 del D.L. 30/8/1993, n.331, con particolare riferimento all’effettività del trasporto effettuato dall’Italia presso un altro Stato membro dell’UE. In merito, è stato ribadito che, al fine di dimostrare l’avvenuta spedizione di merci in altro paese comunitario, occorre conservare la seguente documentazione fiscale e contabile: 1) la fattura di vendita all’acquirente comunitario; 2) gli elenchi riepilogativi relativi alle cessioni intracomunitarie effettuate; 3) il documento di trasporto “CMR” firmato dal trasportatore per presa in carico della merce e/o dal destinatario per ricevuta; 4) la rimessa bancaria dell’acquirente relativa al pagamento della merce. Con riguardo alle cessioni “franco fabbrica”, in cui i beni vengono consegnati al vettore indicato dal cliente, è stato chiarito che non esiste un vincolo rigido in ordine alla prova da fornire, pertanto, nei casi in cui il cedente nazionale non sia in grado di esibire il documento di trasporto, la prova potrà essere fornita con qualsiasi altro documento idoneo a dimostrare che le merci sono state inviate in altro Stato membro. In tali circostanze, alla luce dell’evoluzione della prassi commerciale, il “CMR elettronico”, avente il medesimo contenuto di quello cartaceo, ovvero un insieme di documenti dal quale si possono ricavare le medesime informazioni presenti nello stesso e le firme dei soggetti coinvolti (cedente, vettore, e cessionario), costituiscono mezzi di prova idonei a dimostrare l’uscita della merce dal territorio nazionale. Tali documenti, per essere idonei a fornire la prova della cessione intracomunitaria devono essere conservati congiuntamente alle fatture di vendita, alla documentazione bancaria attestante le somme riscosse in relazione alle predette cessioni, alla documentazione relativa agli impegni contrattuali assunti e agli elenchi Intrastat.
Read more
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze con un comunicato del 27/2/2019 ha annunciato che è stato approvato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri recante la proroga della scadenza dei termini per la trasmissione dei cd. “spesometro” ed “esterometro”, nonché della liquidazione periodica IVA relativa al quarto trimestre 2018, il quale verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale dopo la registrazione presso la Corte dei Conti. In particolare:
- il termine del 28/2/2019, stabilito per la effettuazione delle comunicazioni dei dati di cui all'art. 21 comma 1, D.L. 31/5/2010, n.78 (cd. “spesometro”), è prorogato al 30/4/2019;
- i dati di cui all'art. 1, comma 3-bis, del D.L. 5/8/2015, n.127 (cd. “esterometro”), relativi alle operazioni dei mesi di gennaio e febbraio 2019 sono tramessi all'Agenzia delle entrate entro il 30/4/2019;
- le comunicazioni dei dati delle liquidazioni periodiche IVA, di cui all’art. 21-bis del D.L. 31/5/ 2010, n.78, relative al 4° trimestre 2018 sono trasmesse entro il 10/4/2019.
Read more
L’Agenzia delle Entrate, con la risposta all’istanza di interpello n.67 del 26/2/2019, ha fornito chiarimenti in merito agli obblighi di fatturazione elettronica nelle operazioni poste in essere da soggetti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato nei confronti di soggetti identificati ai fini dell’IVA in Italia. Al riguardo, è stato precisato che:
- per le operazioni effettuate nei confronti dei soggetti non residenti identificati in Italia (tramite identificazione diretta ovvero rappresentante fiscale), i soggetti passivi IVA residenti e stabiliti in Italia hanno l’obbligo, dall’1/1/2019, di emettere le fatture elettroniche via SdI oppure di effettuare la comunicazione dei dati delle fatture ai sensi del comma 3-bis dell’art. 1 del D.Lgs. 5/8/2015, n.127 (cd. “esterometro”);
- un soggetto non residente non ha l’obbligo di accreditarsi al Sistema di Interscambio, vista l’inapplicabilità delle nuove regole di fatturazione elettronica al cessionario/committente non stabilito, ma identificato ai fini IVA in Italia;
- il cessionario/committente non stabilito, ma identificato può esercitare la detrazione ex art. 19 del D.P.R. 26/10/1972, n.633, sulla base delle fatture cartacee emesse dal cedente/prestatore stabilito;
- con la locuzione “copia cartacea della fattura” si intende un documento che riporti fedelmente ed esclusivamente il contenuto della fattura elettronica in formato XML, non potendosi indicare elementi ulteriori e diversi da quelli contenuti nella fattura elettronica;
- i destinatari dell’obbligo di presentazione del cd. “esterometro” sono solamente i contribuenti residenti o stabiliti nel territorio dello Stato.
Read more

CONTATTI

Tel. +39 045 6266900

Fax +39 045 6266955

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

INFORMAZIONI

Informativa sulla privacy

Utilizzo dei cookies

Area riservata

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.